Morte della Vergine





babele arte
 :.  Opere di Merisi  :. Morte della Vergine

Morte della Vergine

Analisi dell'opera di Michelangelo Merisi detto Caravaggio

La «Morte della Vergine» è stata sicuramente una delle tele più contestate tra quelle realizzate da Caravaggio, che pure, come abbiamo visto, non era infrequente a polemiche e rifiuti. Il motivo dello scandalo, questa volta, è l’aspetto così realistico della Vergine, da assomigliare ad una reale donna morta annegata. La Madonna ha infatti i piedi e il ventre gonfio, così come succede in genere ai corpi ripescati dall’acqua.
La tela era stata commissionata nel 1601 per la cappella Cherubini nella chiesa di Santa Maria della Scala, ma Caravaggio la realizzò tra il 1605 e il 1606, poco prima quindi di fuggire da Roma per l’accusa di omicidio. L’opera non fu mai esposta e, su consiglio di Pieter Paul Rubens, in quegli anni a Roma, fu acquistata dal duca di Mantova Vincenzo Gonzaga. Prima che nell’aprile del 1607 fosse trasferita a Mantova, a grande richiesta del popolo, l’opera fu messa in mostra riscotendo un notevole successo.
L’opera si discosta alquanto dalle ultime opere di Caravaggio che, invece, in quest’opera, recupera in parte la sua maniera precedente al 1600. In particolare è evidente anche un certo gusto barocco (che ci fa comprendere il fascino che esercitò su un pittore come Rubens) soprattutto nel panneggio rosso posto in alto.
Ma questa inattesa vivacità di colori e di motivi fu momentanea. Le successive opere di Caravaggio, realizzate dopo la fuga da Roma, accentuarono il contrasto luministico per una più intensa drammaticità.

http://www.michelangelomerisi.com/morte_della_vergine_im_25481.htm
Morte della vergine






itinerari on line


© infonet srl (PI 01322740331)
Morte della Vergine
Opere di Merisi, Michelangelo Merisi, Grandi Maestri, Arte, Caravaggio
Morte della Vergine:La «Morte della Vergine» è stata sicuramente una delle tele più contestate tra quelle realizzate da Caravaggio, che pure, come abbiamo visto, non era infrequente a polemiche e rifiuti. Il motivo dello scandalo, questa volta, è l’aspetto così realisti

esecuzione in 0,187 sec.
20 visitatori connessi


Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK